Aldo Perroncito

perroncitoNato a Torino nel 1882, era figlio del noto parassitologo Edoardo Perroncito e di Erminia Aletti, cognata di Camillo Golgi e nipote di Giulio Bizzozero. Ottenuta brillantemente la licenza liceale nel 1899, Perroncito si iscrisse all’Università di Pavia entrando fin dal primo anno nell’Istituto di patologia generale come allievo interno. Dopo la laurea in medicina ottenuta con lode nel 1905, diventò assistente di Golgi fino al 1910, trascorrendo periodi di studio presso l’Istituto di fisiologia di Berlino e l’Istituto di parassitologia della Facoltà medica di Parigi.
Vincitore di premi di studio internazionali, Perroncito insegnò patologia generale nell’Università di Cagliari prima di far ritorno a Pavia nel 1922 come titolare di cattedra e successore di Camillo Golgi. Il suo nome è legato alle scoperte sulla rigenerazione dei nervi periferici pubblicate contemporaneamente allo spagnolo Santiago Ramón y Cajal. Tuttavia Perroncito precedette lo spagnolo nella descrizione delle modificazioni precoci del moncone prossimale dopo il taglio del nervo.
Lo scienziato italiano diede altri contributi scientifici importanti sulla cinetica dell’apparato di Golgi durante la mitosi (“dittiocinesi”), sulla pellagra, sulla piastrinogenesi, sulla circolazione portale.
Maggiore medico durante la Grande Guerra morì a Pavia nel 1929 per un’infezione tubercolare.